HOME































 - Ayrton Senna















Nel 1949  vengono scelti sette Gran Premi validi per l'assegnazione del trofeo.
 La  prima gara valida per il campionato fu il Gran Premio di Gran Bretagna nel 1950.
 Al titolo piloti seguì un titolo per i costruttori nel 1958.Oltre ai campionati mondiali, si disputarono
 anche due campionati nazionali per  vetture di Formula 1.  Il  primo, denominato  "Tasmanian Formula",
si  disputò  nel Sudafrica e anche  in  Australia dal 1960 al 1975, e il  suo dominatore
fu il  pilota rhodesiano John Love, vincitore di sei titoli. Il  secondo, denominato "Formula Aurora",
ebbe una durata più breve e si disputò in Inghilterra dal 1978 al 1980.







LA RIVOLUZIONE DEL MOTORE POSTERIORE
Cooper-Climax T51


Nel 1950, in risposta al Campionato Mondiale di Motociclismo introdotto l'anno precedente, la FIA organizzò il primo vero Campionato del Mondo Piloti utilizzando il Regolamento della Formula 1. L’organizzazione del campionato vide scegliere sei dei maggiori Gran Premi in Europa, più la 500 Miglia di Indianapolis, ma questa fu una mera formalità per quanti avevano partecipato alle gare durante gli anni precedenti. Furono tre team italiani ad occupare le posizioni dominanti dei primi anni del campionato, l’Alfa Romeo, quindi la Ferrari,
 e infine la Maserati. Altre case manufattrici nazionali – come la francese Talbot o la britannica BRM – competono,
con successi assai modesti. Un buon numero di vetture private prendevano parte alle gare.
L’Alfa Romeo dominò la concorrenza nella stagione 1950, vincendo tutte le gare di quel campionato con l’"Alfetta" 158 costruita prima della guerra da Enzo Ferrari.
La sola eccezione fu per la 500 Miglia, che faceva parte del campionato ma non correva con le regole della Formula 1 ed era raramente gareggiata dai piloti europei. La corsa non acquisterà mai importanza nel mondo della Formula 1 e uscì dal calendario del campionato dopo il 1960. Nino Farina vinse il campionato inaugurale, Juan Manuel Fangio lo conquistò nel 1951 con la Alfa Romeo 159, un'evoluzione della 158. I motori dell’Alfetta erano estremamente potenti per la capacità delle altre vetture dell’epoca.



Nel 1951 il motore della 159 produceva attorno ai 420 cavalli di potenza, ma questo comportava un prezzo da pagare nel consumo eccessivo di benzina, che era stimato dai 125 ai 175 litri per percorrere 100 km. Enzo Ferrari, che gareggiò con l’Alfa Romeo prima della guerra (in pratica la Ferrari iniziò utilizzando ed elaborando materiale Alfa Romeo), fu il primo a comprendere che lo sviluppo dei motori con compressore da 1.5 litri era giunto a un punto morto. Ogni ulteriore incremento di potenza obbligava a compiere lunghe soste per fare rifornimento di benzina, con conseguente perdita di tempo.

Enzo Ferrari, Ugolini, Lampredi, Villoresi, Ascari, e la mitica 375 F1.1952

Per le ultime gare del 1950 Ferrari abbandonò il modello 125 da 1.5 litri con compressore, ormai da museo, e presentò il nuovo modello 375 con motore V12 aspirato da 4.5 litri, cilindrata che diventerà un "classico" della Casa modenese.
Con un consumo di benzina che si aggirava attorno ai 35 litri per 100 km le 375 offriromo fiera opposizione all’Alfetta fino al termine della stagione 1951.
L’Alfa Romeo, una compagnia finanziata dallo stato, decise di ritirarsi dopo il rifiuto del governo italiano di concedere fondi per progettare la nuova vettura. Sorprendentemente, l’Alfa Romeo investì nelle corse budget molto limitati, utilizzando ancora tanto materiale e tecnologie precedenti alla guerra durante queste prime due stagioni. All’istante il team vinse i due campionati usando solo nove motori costruiti negli anni ‘30.
Non fu comunque il ritiro dell’Alfa Romeo a rendere invincibile la Ferrari. La FIA si trovò in una posizione imbarazzante quando ammise che sul Regolamento della Formula 1 dell’epoca era previsto uno slittamento al 1954 del passaggio al motore atmosferico da 2.5 litri. Le maggiori case costruttrici erano in quel momento impegnate ad adattare le loro vetture per i nuovi regolamenti, ma a quel punto si trovarono spiazzate in termini puramente finanziari.


Spa 1952 - Terza edizione del Gp. Ascari su Ferrari taglia il traguardo al comando

Fu chiaro a tutti che nessuno poteva pensare di preparare una nuova macchina per affrontare le stagioni successive. Soltanto la Ferrari era in grado di allestire vetture di Formula 1 competitive. La soluzione adottata fu quella di far disputare il Campionato Mondiale Piloti con le vetture di Formula 2 per due stagioni. Naturalmente il dominio Ferrari avvenne con la leggera e potente 500 a 4 cilindri guidata dal leggendario pilota italiano Alberto Ascari che fu il primo pilota a vincere due campionati consecutivi nel 1952 e 1953. Le vetture Ferrari di Formula 1 continuarono a gareggiare nelle gare non valide per il campionato e in quelle di Formula Libre corse durante quel periodo, soprattutto nel Sudamerica – non a caso, "Libre" è il termine spagnolo con cui si definisce "Libera" – dove queste corse erano molto popolari. Ironicamente, durante quel biennio la sola gara del Campionato del Mondo in cui le vetture di Formula 1 erano ammesse era la 500 Miglia. Nel 1952 la Ferrari schierò quattro 375 di Formula 1 con Alberto Ascari come pilota guida, ma con scarso successo: solo Ascari riuscì a qualificarsi (a metà schieramento) e si ritirò ben presto in gara. Non contando la gara di Indianapolis, il Campionato del Mondo si svolse interamente in Europa fino al 1953, quando la stagione si aprì in Argentina. Quella fu la prima corsa ufficiale di Formula 1 a disputarsi fuori dall’Europa.
Come previsto, il Campionato del Mondo ritornò al Regolamento di Formula 1 per la stagione 1954, adesso basato sui motori atmosferici a 2.5 litri. Erano la Lancia e la Mercedes-Benz a monopolizzare la serie, guidati dai migliori piloti dell’epoca: Ascari per la Lancia, Fangio per la Mercedes. Utilizzando valvole desmodromiche, iniettori a benzina, magnesio, ed altre parti piuttosto esotiche come linee del telaio presentate con una forma alquanto allungata e altre tecniche piuttosto avanzate, la nuova Mercedes iniziò la stagione 1954 quando Fangio partì dalla pole position nel Gran Premio di Francia svolto sul circuito stradale di Reims-Gueux con il primo giro percorso a una velocità di oltre 200 km/h – fu la prima volta nella storia della Formula 1 – prima di vincere la corsa, Fangio ingaggiò un duello con l’altro pilota della Mercedes Karl Kling, giunto in seconda posizione.

Le vetture Mercedes affrontarono le due stagioni seguenti con Fangio che si aggiudicò tutte le gare lasciando agli altri piloti soltanto tre corse. Alla fine della stagione 1955 la Mercedes si ritirò dalle gare nello stesso modo fulmineo com’era entrata. Avevano provato la superiorità della loro tecnologia, ma fu il terribile disastro di una delle sue vetture sport, guidata da Pierre Levegh alla 24 Ore di Le Mans di quell'anno, che provocò il decesso di 83 persone, a comportare il ritiro dalle competizioni. La casa tedesca resterà lontano dalla Formula 1 fino al termine della stagione 1993. Dopo la tragedia di Le Mans, lo sport automobilistico ne uscì totalmente sconvolto: tre Gran Premi ancora da disputarsi vennero immediatamente cancellati e il governo svizzero annunciò il bando totale alle corse automobilistiche disputate sul suo territorio nazionale (tutt'ora in vigore. Il gran premio di Svizzera del 1982 fu disputato in Francia,a Digione).

Il Gran Premio di Montecarlo 1955 vide uno spettacolare incidente quando Ascari e la sua Lancia, dopo aver mancato una chicane, si schiantarono contro il molo. Ascari viene sbalzato fuori dalla vettura e cadde in acqua, vivo e apparentemente senza danni. Vi furono varie speculazioni attorno a una emorragia interna non riscontrata quando appena quattro giorni dopo Ascari rimase ucciso a Monza mentre effettuava alcuni test su una vettura Ferrari sport prestatagli dall'amico Castellotti.
Dopo la morte di Ascari, la Lancia (alle prese con gravi problemi finanziari) si ritirò definitivamente dalla categoria cedendo motori, vetture, informazioni e tecnologia alla Ferrari (che ricambierà il favore negli anni settanta fornendo il motore per la creazione della mitica Stratos).

Il Gran Premio di Francia 1956 fu la quinta gara della stagione 1956 del Campionato mondiale di Formula 1,
 disputata il 1º luglio sul Circuito di Reims.
 La corsa vide la seconda vittoria consecutiva di Peter Collins su Ferrari,
seguito dal compagno di squadra Eugenio Castellotti e dal francese Jean Behra su Maserati.


La stagione 1956 vide Fangio fare buon uso della Ferrari – nata in casa della Lancia – per vincere il suo quarto campionato. Guidando una Maserati, coglie il quinto successo nella stagione 1957, stabilendo un record che resterà imbattuto per 46 anni.

Nonostante la configurazione base della formula rimanga invariata per il 1958, le gare furono accorciate dai circa 500 km / 300 miglia ai 300 km / 200 miglia e le macchine usarono un particolare tipo di benzina composto da vari tipi di miscele il cui componente primario era il metanolo.

Le 246 di Mike Hawrthon -Luigi  Musso e Wolfgang von Trips 
 GP di Francia 1958 - La corsa vide l'ultima vittoria in carriera di Mike Hawthorn su Ferrari.

Con il ritiro di Fangio, Mike Hawthorn alla guida della Ferrari conquistò il titolo piloti nella stagione 1958 diventando così il primo pilota inglese a vincere il titolo. La scuderia britannica Vanwall conquistò il primo titolo riservato ai costruttori in quella stagione, ma non riuscì a coronare le sue aspirazioni di portare un pilota inglese al titolo iridato. Stirling Moss, nonostante avesse totalizzato un numero maggiore di vittorie rispetto ad Hawthorn, perse il titolo per un solo punto (Hawthorn sfruttò il regolamento dell'epoca che premiava con un punto chi faceva il giro più veloce in gara). Questa annata vide anche una donna guidare per la prima volta una Formula 1 in una gara di campionato, la napoletana Maria Teresa de Filippis che debuttò guidando da privata una Maserati nel Gran Premio del Belgio.

               1959 - Jack Brabham - Cooper T51

Il 1958 fu un anno cruciale per la Formula 1. Contro una piccola pattuglia di Ferrari e Maserati (ritiratasi ufficialmente nella stagione precedente), Stirling Moss vinse il  guidando una vettura a motore centrale Cooper per conto della scuderia privata di Rob Walker, spinta da un motore 2 litri fornito dalla Coventry Climax a 4 cilindri. Questa fu la prima vittoria per una vettura col motore posizionato dietro al pilota in Formula 1. Il successivo Gran Premio a Montecarlo venne vinto ugualmente dalla Cooper, guidata questa volta da Maurice Trintignant. Spinte da motori di minore cilindrata, le Cooper rimasero outsiders nel 1958, ma nel momento in cui i nuovi motori da 2.5 litri della Coventry Climax furono messi a disposizione, le piccole vetture britanniche passarono a dominare la Formula 1. La stagione 1959 vide una competizione serrata tra la scuderia Cooper dell’australiano Jack Brabham, e Moss che correva per il team di Rob Walker su vettura Cooper. L’uso della trasmissione della Citroën Traction Avant modificata, rappresentò il tallone d’achille per le Cooper, e Walker tornò a un progetto casalingo. Sfortunatamente questo asse speciale era totalmente incompatibile con le altre componenti della vettura e Brabham vinse il titolo, con Moss piazzato secondo.


 Nasce il campionato mondiale.

La stagione 1950 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è stata, nella storia della categoria, la prima ad assegnare il Campionato Piloti. È iniziata il 13 maggio e terminata il 3 settembre, dopo 7 gare, sei disputate in Europa e, in aggiunta, la 500 Miglia di Indianapolis, corsa da piloti americani sotto il Regolamento della AAA e della USAC. Il titolo piloti venne vinto da Nino Farina. Si disputarono inoltre sedici gare europee non valide per il mondiale – dal 10 aprile al 29 ottobre, e inoltre undici gare sudamericane di Formula Libre – dall'8 gennaio al 24 dicembre – in Argentina, Brasile e Cile.

Si è registrato un dominio totale della scuderia Alfa Romeo, che piazzò in classifica ai primi tre posti con la vettura Alfa Romeo 158 i suoi piloti di punta: oltre al vincitore Farina, si distinguono Juan Manuel Fangio che vinse tre gare e perse il titolo all'ultimo appuntamento, e il veterano Luigi Fagioli, più costante dei compagni ma penalizzato dalla regola sullo scarto dei risultati. Vengono infastiditi soltanto occasionalmente da Alberto Ascari sulla Ferrari, che si classifica quinto, e dal francese Louis Rosier sulla Talbot-Lago, giunto al quarto posto.




SILVERSTONE - 13 MAGGIO 1950
PRIMO GRAN PREMIO - F1



La prima gara del primo Campionato del Mondo venne disputata di sabato. In Inghilterra la domenica è, da sempre, la giornata dedicata al riposo e, tradizionalmente, è il sabato il giorno della settimana riservato ai grandi appuntamenti sportivi. I circuiti si alternano, ma per trent’anni, fino alla fine degli anni Settanta, quando la televisione detterà legge anche in Formula 1, il Gran Premio di Gran Bretagna sarà sempre corso nella giornata di sabato. Il 13 maggio 1950 è una splendida giornata di sole. L’Autodromo prescelto per la disputa della prima gara del nuovo Campionato del Mondo è quello di Silverstone, qualche decina di miglia a nord-est di Oxford e a non più di un’ora e mezza di automobile da Londra. Fra i tanti Autodromi di cui pullula la magnifica campagna inglese, tutti rigorosamente allestiti sui campi di aviazione usati dai piloti della Raf nel corso della Seconda Guerra Mondiale, Silverstone si sta rapidamente avviando ad essere il più celebre. Il tracciato è simile ad un pentagono, cui lato inferiore è leggermente incurvato e i cui angoli sono smussati da curve velocissime. La prima fila dello schieramento del Gran Premio di Gran Bretagna, che nell’occasione del debutto del Campionato del Mondo di Formula 1 si fregia anche del Titolo di Gran Premio d’Europa, è occupata interamente dalle quattro Alfa Romeo inscritte alla gara. L’Alfa Romeo dispone del modello 158 che, ribattezzata “Alfetta”, ha vinto tutte le gare a cui ha preso parte nel dopoguerra. La vettura è stata progettata da Gioacchino Colombo e da Enzo Ferrari nel 1937 ma, come tutto il resto del materiale appartenuto alla Scuderia Ferrari, era passata in forze all’Alfa Romeo quando il Commendator Ferrari aveva cessato la propria attività sportiva poco prima della guerra.


Quando fu inaugurato il Campionato del Mondo ufficiale, con il Gran Premio d’Europa (o Gran Premio di Gran Bretagna) a Silverstone, 
l’Alfa Romeo era la vettura da battere, la Ferrari (seppur non presente) era l’aspirante reginetta e la BRM la pretendente senza speranza.

Ma quel giorno fece una dimostrazione di pochi giri per la Famiglia Reale. Lo storico avvenimento fu patrocinato da Re Giorgio VI d’Inghilterra 
e dalla Regina Isabella, e fu sottolineato il fatto che era la prima volta che un monarca regnante assisteva ad un evento del genere.

La scuderia Alfa Romeo si presentò nel circuito con quattro Alfetta guidate da Nino Farina, Juan Manuel Fangio, Luigi Fagioli e, 
in segno di omaggio alla nazione ospitante, Reg Parnell;
le vetture si piazzarono ai primi quattro posti nelle qualifiche, occupando per intero la prima fila dello schieramento.

L'altra casa automobilistica italiana presente fu la Maserati, che schierò sei vetture portate in gara da tre scuderie diverse: la Scuderia Ambrosiana con David Murray e David Hampshire, l'Officina Alfieri Maserati con Louis Chiron di passaporto monegasco e Joe Fry, per finire con la Enrico Platé dove si distinguevano due piloti dotati di titoli nobiliari, Toulo de Graffenried e Prince Bira; quest'ultimo occupò il quinto posto nella griglia di partenza. Dei 22 iscritti Felice Bonetto della Scuderia Milano sarà l'unico che non riuscirà a qualificarsi.

La Ferrari, invece, preferì non prendere parte alla corsa con Enzo Ferrari che si lamentò con la stampa del limitato ingaggio offertogli dagli organizzatori. Le vetture inglesi erano le tre ERA e le due ALTA. I cinque francesi presenti invece gareggiarono con la Talbot-Lago (con le migliori due vetture che occuparono la seconda fila di partenza) e con due scuderie non manifatturiere. Parecchi corsero come privati e Leslie Johnson si presentò col nome di una scuderia, la Taso Mathieson per la prima e ultima volta.


Gran Premio di Gran Bretana 1950


Con ghirlande, Bande musicali e tutta la pompa di una Cerimonia di Stato, i Reali britannici si divertirono assistendo alla grande prova dell’Alfa Romeo di Giuseppe Farina, che vinse davanti a Luigi Fagioli e a Reg Parnell. Più indietro, il veterano francese Yves Giraud-Cabantous ottenne faticosamente il quarto posto con la sua Talbot Lago a 4,5 litri. Era il tipo di predominio che si sarebbe visto molti anni dopo, con la Williams-Renault e le McLaren-Honda, con la differenza che l’Alfa Romeo aveva una superiorità ancora maggiore, in quanto affrontava una concorrenza decisamente improvvisata. La mattina della gara, le Alfa erano state portate a Silverstone per la strada che conduce a Banbury; ovviamente, ciò era illegale, ma nessuno se ne curò. Le vetture riuscirono a non rimanere bloccate nel traffico e arrivarono appena in tempo per l’entrata dei monarchi britannici, che viaggiarono in treno fino alla stazione di Brackley, da dove una Daimler della Casa Reale li portò al circuito. Il Re e la Regina furono debitamente presentati ai piloti, fra cui gli astri nascenti dell’Automobilismo britannico, i giovani Stirling Moss e Peter Collins.

Tutti i dettagli del loro modo di comportarsi furono accuratamente descritti da Williams Boddy, un giornalista della rivista “Motor Sport”, che scrisse: “Il conte Howe si sedette tra il Re e la Regina e, quando al bandiera stava per dare il via, il Re guardò il programma e scrutò la Griglia di Partenza. Quando le automobili partirono a tutta velocità, sembrava molto interessato, ma il rumore e il fumo colsero di sorpresa la Regina, come succede a quanti stanno vicino alla pista nella partenza in massa di una Gara. La principessa Margherita sembrava volersi concentrare solo su quanto stava succedendo, e considerava la conversazione come qualcosa di secondario. Ma queste sono solo supposizioni”. La cosa più curiosa, comunque, fu l’ingorgo di Silverstone, sul quale “Motor Sport” si soffermò con dovizia di particolari. Un fatto che oggi non sorprenderebbe nessuno, ma che nel 1950 destò un certo scalpore. “Noi siamo sicuri che coloro che sono arrivati in ritardo a causa del traffico, coloro che hanno impiegato quattro ore per uscire dai parcheggi o che hanno ricevuto pass sbagliati, e i commissari onorari del Club, che la notte del venerdì sono stati costretti a dormire in vecchi negozi di campagna perché le pattuglie della RAC avevano esaurito i letti degli alberghi, saranno completamente d’accordo con noi nel deplorare ciò che è accaduto”, scrisse la rivista.

La FIA attraverso la CSI (Commissione Sportiva Internazionale) mette ordine nel composito universo del Gran Prix,
dando a sei di questi lo status di prova iridata ed organizzando così il primo campionato del mondo.
 Nel calendario è inserito anche la 500 Miglia di Indianapolis, ma i piloti europei la disertano (e gli americani non vengono
 a correre in Europa). Il circuito è riservato alle Formula 1, vetture senza limitazioni di peso con motore da 1500 cc
se sovralimentato e 4500 cc se aspirato. Per battezzare l'evento, alla "prima" di Silvestone
si presentano re Giorgio VI e la futura regina Elisabetta. Il campionato si rivela una questione privata
tra Farina, Fangio e Fagioli, al volante di altrettante Alfa Romeo 158, solo occasionalmente infastiditi
dalla Ferrari 125 di Alberto Ascari (figlio di Antonio, già avversario di Nuvolari).

Il Mondiale si decide all'ultimo GP a Monza: Fangio è tradito da cambio e motore, Farina vola a prendersi il titolo.

Regolamento sportivo: punti ai primi cinque (8-6-4-3-2), un punto all'autore del giro più veloce in gara.
Validi i migliori quattro risultati. Possibile l'avvicendamento di più piloti su una stessa macchina (se a punti, questi vengono divisi tra i componenti dell'equipaggio) e, per ogni pilota, il passaggio da una macchina all'altra.

Regolamento tecnico: Motori 1500 cc con compressore, o 4500 cc senza.




1° G.FARINA - 2° L. FAGIOLI - 3° R. PARNELL
Alfa Romeo - Alfa Romeo - Alfa Romeo
4 Yves GIRAUD-CABANTOUS Talbot Lago Talbot 68 - 5 Louis ROSIER Talbot Lago Talbot 68
6 Bob GERARD ERA ERA 67 - 7 Cuth HARRISON ERA ERA 67 - 8 Philippe ETANCELIN Talbot



Silverstone 1950 World Championship Motor Race

Nel 1950 viene introdotto un campionato piloti, la cui classifica viene stilata in base ai risultati conseguiti in sette gare:

Gran Bretagna, Svizzera, Monaco, Belgio, Francia, Italia e la 500 miglia di Indianapolis.
L'inclusione di quest'ultima gara viene fatta nel tentativo di promuovere la Formula 1 anche negli Stati Uniti ma la cosa, come si sa, non ebbe molto successo. L'Alfa Romeo si iscrive a questo campionato con un team composto da tre grandissimi piloti dell'ante guerra, Giuseppe Farina, Luigi Fagioli e Juan Manuel Fangio e, tranne per quest'ultimo, i primi due hanno ormai un'età nella quale, contro le giovani leve delle altre scuderie, possono far valere più che altro la loro grande esperienza. La scuderia che dà loro più filo da torcere è la Ferrari che però manca ancora di affidabilità e, alla fine, il campionato diventa una sfida tra i tre piloti dell'Alfa. La gara finale, a Monza, incoronerà il primo Campione del Mondo di Formula 1. Al via Fangio scatta subito in testa ma per essere poi costretto al ritiro da una rottura del cambio, dando così via libera a Farina che vince la gara ed il mondiale. Il campionato del 1951 pare iniziare allo stesso punto in cui si era interrotto quello del 1950, con l'Alfa ancora superiore alle altre scuderie, ma questa volta la Ferrari affianca, al suo pilota Froilan Gonzales, Alberto Ascari e Luigi Villoresi, famosi per le loro grandissime capacità! Fangio vince subito la gara di apertura in Svizzera ma il Gran Premio di Germania, reinserito quell'anno nel mondiale, vede Ascari primo sul traguardo. L'ultima gara a Pedrables in Spagna, parte con Fangio a 28 punti di vantaggio su Ascari e, con la possibilità di guadagnarne 25, l'esito del mondiale appare già scontato.

Alberto Ascari conquista comunque la pole position ma in gara è costretto al ritiro a causa di problemi ai pneumatici. Fangio domina la gara ed agguanta il suo primo titolo iridato. Sebbene la Ferrari abbia perso ancora, il loro distacco dall'Alfa va sempre più assottigliandosi. Da parte sua l'Alfa Romeo, a causa di motivi finanziari, non è in grado di sviluppare ulteriormente le monoposto e quindi di difendere il titolo: da qui la decisione di abbandonare. Nessuno si potrà immaginare che, fino agli anni 80, questa grandissima scuderia non riuscirà più a rientrare nel circus iridato. La stagione del 1952 si corre con vetture di Formula 2 che prevedono cilindrate di 500cc per i motori sovralimentati e di 2000cc per gli altri. La Ferrari domina questo campionato ed il successivo vincendo 30 delle 33 gare principali, ma Fangio non è in grado di difendere il titolo a causa di un incidente in una gara extra campionato che gli causa la rottura del collo. In sua assenza Ascari vince tutte le gare alle quali partecipa, conquistando il titolo mondiale. In quello stesso anno fa il suo debutto il team inglese Cooper-Bristol che ha scelto Mike Hawthorn come pilota di punta. Il 1953 è ancora dominato dalla Ferrari che vede come unico rivale Fangio, passato alla Maserati. Mike Hawthorn viene ingaggiato dalla Ferrari e si ritrova in squadra con due campioni del mondo, Ascari e Farina, e con un veterano d'eccezione, Villoresi; tre personaggi molto scomodi e determinati a mantenere il controllo della squadra. Ci riusciranno solo fino alla gara di Reims.